Pubblicazioni 

 

Home

 Pianificazione Territoriale

Geologia Ambientale

Idrogeologia

Geologia Applicata

Dissesti e Frane

  Pubblicazioni

  Port Folio

  Profilo

  Attività

  Dove Siamo

 

Sardegna - 1896 chilometri di coste di Antonio Franco Fadda. Pag. 240; Formato cm 23,5x34x5 

Coedisar - Cagliari 2003

L'autore con l'ausilio di un consistente numero di fotografie aeree e cartine descrive l'origine, l'evoluzione e gli aspetti paesaggistici dei diversi tipi di costa della Sardegna. Si sofferma in particolare sulle coste sottili approfondendo le problematiche legate ai fenomeni di deposizione e di erosione in rapporto al regime dei corsi d'acqua e della dinamica costiera. Dall'opera emerge un complesso costiero generalmente integro solo in minima parte, interessato da fenomeni di alterazione ambientale connessi all'uso turistico. 

 

 

Sardegna Le isole minori -  di Antonio Franco Fadda. Pag. 208; Formato cm 23,5x34x5  

Coedisar - Cagliari 2005

L'Isola di Sardegna, che con i suoi 1896 km di coste possiede da sola la quinta parte delle coste italiane e il 5% di quelle europee, è contornata da numerose isole minori. Le piccole isole della Sardegna hanno una superficie di soli 275 chilometri quadrati, ma uno sviluppo costiero di ben 511,975 chilometri, e contribuiscono a movimentare notevolmente il paesaggio sardo. Queste isole costituiscono un patrimonio naturale di inestimabile valore e di straordinaria varietà e ricchezza. L'autore, con l'ausilio di un consistente numero di fotografie e cartine, ne descrive gli aspetti paesaggistici più interessanti. Una particolare attenzione è riservata alle aree meno note ed ai numerosi siti, emersi e sommersi, di rilevante interesse naturalistico e ambientale.

 

 

Paesaggi Minerari in Sardegna di Antonio Franco Fadda. Pag. 240; Formato cm 23,5x34x5 

 Coedisar - Cagliari 2004 

 

L'autore descrive quei particolari ambienti che sono i paesaggi minerari della Sardegna, isola che è  ricchissima di minerali e vanta un'attività estrattiva vecchia di ottomila anni. Nel libro si descrivono le specificità morfologiche, cromatiche e architettoniche dei paesaggi minerari, insieme alle vecchie miniere e all'ambiente nel quale sono inserite, alle strutture industriali e ai giacimenti. Si sofferma, infine, sulle problematiche connesse all'inquinamento, derivato dalle discariche minerarie, e sui progetti di riconversione produttiva e di ripristino ambientale delle maggiori miniere dismesse.

 

 

Le acque della Sardegna di Antonio Franco Fadda e Antonio Pala. Pag. 226; Formato cm 21x28 

Coedisar - Cagliari  1993

 

Gli autori approfondiscono le problematiche connesse ai bacini idrografici della Sardegna, le loro caratteristiche principali, sia sotto l'aspetto geologico, che geomorfologico e idrologico. Per ogni corso d'acqua vengono indicate le caratteristiche fondamentali quali portata, lunghezza delle aste fluviali, pendenza, modello e sviluppo del reticolo, caratteristiche del drenaggio ( densità, frequenza e coefficiente). Il testo è corredato di numerosi disegni, cartine, grafici e fotografie atti a illustrare efficacemente gli argomenti trattati.

 

 

L'Evoluzione del paesaggio in Sardegna di Antonio Franco Fadda. Pag. 208; Formato cm 23x33 

Coedisar - Cagliari 1991

L'autore affronta lo studio dei paesaggi dell'isola con i criteri e i metodi della geografia fisica. Nell'opera vengono descritti i paesaggi della Sardegna e spiegati i meccanismi che ne regolano l'evoluzione. Per ciascuna delle 29  sub-regioni dell'isola, l'autore si sofferma  sui tratti fondamentali del rilievo e sulla loro natura, descrivendo pianure, depressioni, altopiani, "catene montuose", valli, vulcani spenti, coste, bacini idrografici, fiumi, laghi artificiali e stagni. Nel libro emerge l'immagine di un'isola antichissima nella quale durante il lungo evolversi delle ere, l'opera della natura ha creato ambienti estremamente differenti e una varietà di paesaggi che ha pochi confronti per bellezza e originalità.

 

 

Sardegna, il mondo sotterraneo di Antonio Franco Fadda e Guido Bartolo. Pag. 304 ; Formato cm 16x24  - 

Coedisar - Cagliari 2000

Gli autori citano le oltre 2000 grotte conosciute nell'isola, le più importanti delle quali, circa un centinaio, sono state approfonditamente descritte anche con l'ausilio di un gran numero di cartine e disegni. Un capitolo è stato riservato alla spiegazione dei fenomeni che hanno condotto alla formazione delle grotte sarde, le quali, spesso hanno origini diverse e, di frequente,  sono ornate da concrezioni di eccezionale bellezza.

 

 

Sinis, la penisola del silenzio di Antonio Franco Fadda, Renzo Murru, Maria Grazia Satta, Carlo Dettori.  Pag. 240 ; Formato cm 23x33   2° Edizione Coedisar - 2001

Nel Libro vengono illustrati gli aspetti fisici del territorio e le straordinarie specificità delle coste, con particolare riferimento alle spiagge e alle lunghe e altissime falesie calcaree. Nel secondo capitolo si descrivono gli aspetti paesaggistici, con particolare riferimento all'interazione tra l'uomo e la penisola negli ultimi millenni. Il terzo e il quarto capitolo trattano gli argomenti connessi alla flora e alla fauna.

 

 

Sardegna, pietre dure e minerali di Antonio Franco Fadda. Pag. 256 ; Formato cm 23x33  

Coedisar - Cagliari 1988

Nell'opera vengono descritti i minerali da collezione finora ritrovati in Sardegna, con particolare riferimento a quelli utilizzati come pietre dure. Per ogni minerale vengono indicate tutte le caratteristiche tecniche e  le località di ritrovamento, molte delle quali sono situate nelle zone più suggestive e meno note dell'isola. Particolarmente interessanti sono le riproduzioni di esemplari, tagliati a gemma o a cabochon, di pietre dure ritrovate in Sardegna, alcune delle quali hanno grande pregio.

 

 

Siti minerari in Sardegna di Antonio Franco Fadda. Pag. 208 ;    Formato cm 24x35 

 Coedisar - Cagliari 1996

 

Nell’opera sono descritte le aree minerarie della Sardegna, con le vecchie miniere, le strutture industriali abbandonate, i vuoti in superficie ed in sottosuolo ed in villaggi minerari. L’autore approfondisce i temi legati al ripristino ambientale, alla riqualificazione e alla riconversione produttiva delle aree minerarie abbandonate soffermandosi, in particolare, sui villaggi minerari, per i quali s’illustrano i progetti di ricupero, le volumetrie utilizzabili e le destinazioni d’uso possibili.